Stefanie Lange-Portrait of a beauty

Stefanie Lange-Portrait of a beauty

fotografia-stefanie-giovane-tablet
fotografia-cappello-bianco

Sono sempre stata affascinata e incuriosita  dalla bellezza senza tempo, dall’eleganza e dalle donne con carattere.

Sono attratta dalle storie che quella bellezza porta con sé, per questa ragione  ho deciso di coltivare questo progetto personale di ritratti.

Quando mi capita di incontrarne una ne approfitto per appagare la mia curiosità e conoscerla da vicino, passando del tempo insieme a  lei. Di solito i primi scatti sono nevrotici e inutili, poco liberi, immediatamente dopo tutto si svela, va via l’imbarazzo e ci si racconta. Dico ci si racconta perché, tutte le volte, quello che avviene è uno scambio.

Loro mi raccontano della loro vita, degli avvenimenti più salienti, delle esperienze memorabili e delle persone a cui sono legate e da qui parte in quarta il mio essere logorroica e sognatrice e passano le ore a tempestare di domande ” la malcapitata”senza rendermene conto.

Fotografare  Stefanie è stato sorprendente, è stato come fare un tuffo in un’epoca in cui mi sarebbe piaciuto vivere.

Quel giorno a farci compagnia c’era un’altra forza della natura, Andrea, un’amica di Stefanie, di passaggio a Londra per una boccata d’aria. Il pomeriggio è volato chiacchierando tra donne di tre diverse generazioni  senza alcun limite comunicativo, (nonostante il mio inglese non sia eccezionale).

Mi ha trasportata in  un mondo fatto di musica, arte e circuiti dei quali ho sentito parlare solo in libri e riviste. La bellezza di questa donna, mista alla sua voglia di vivere e alla sua energia, come da copione, hanno alimentato la mia voglia di scoprire e la mia “teoria dei pezzettini”, teoria in base alla quale raccolgo da ogni

singola persona che incontro tutto quello che mi piace e che vorrei mi appartenesse, lo elaboro, lo assorbo e lo nascondo in qualche angolo lontano e  invisibile persino a me stessa…

Quando passa del tempo, quel “pezzettino” apparentemente dissolto viene inconsapevolmente fuori e contribuisce a rendermi quella che sono giorno per giorno.

18 maggio 2017 | Lavori personali, Ritratti